user
Palazzo baronale DAmely
Via G. D' Amely, 73026 Melendugno LE
Aspetto
Palazzo baronale DAmely


Commenti
Fe
Recensione №1

Dopo essere stato in mano per anni a non so quale ordine di suore, il castello è finalmente in mano ai Melendugnesi. Risalente al 1500, il palazzo è il simbolo della società feudale che, sotto la casata dei DAmely, resiste a Melendugno fino alla fine del secondo conflitto mondiale. Ledificio, ha un buon potenziale turistico tra cui un affresco unico. Ma, a tal fine, necessita di un profondo restauro e di un buon piano di valorizzazione.

ri
Recensione №2

Il Palazzo Baronale D’Amely di Melendugno sorge nel cuore del paese, e originariamente era una torre difensiva, commissionata dal barone Pompeo Paladini all’ingegnere militare Gian Giacomo dell’Acaya nella seconda metà del XVI secolo.La particolarità dell’edificio è la sua pianta stellare tipica delle costruzioni di difesa ma abbastanza insolita per il Salento. All’originaria struttura furono in seguito aggiunti altri ambienti per ricavare ulteriori spazi.Sul bel portale cinquecentesco troneggia lo stemma nobiliare con i due leoni che sostengono una torre merlata e, più in alto, la statua della Madonna Immacolata.Il palazzo oggi è di proprietà delle Suore Povere Figlie delle Sacre Stimmate alle quali fu donato dall’ultima discendente dei D’Amely, la baronessa Teresa.

An
Recensione №3

Torre a pianta stellare costruita per motivi di difesa nel XVI secolo, divenne in seguito palazzo Baronale sotto la famiglia DAmely che lo ha abitato fino al secolo scorso. Attualmente dopo un periodo di abbandono il comune sta facendo delle manutenzioni e un incaricato ci ha potuto far visitare un area del castello. Metto 5 stelle per la piacevolezza delle descrizioni dellaccompagnatore, confidando che in futuro la struttura possa diventare un punto di visita importante e ricco di storie.

Do
Recensione №4

Una struttura architettonica unica nel suo genere, con la sua pianta a stella, lo sviluppo su più piani e un meraviglioso giardino, tutto nel centro di Melendugno. Dimora storica della baronessa DAmely e poi per anni casa delle suore stimmatine, il castello è purtroppo non ancora restaurato e visitabile solo in rare occasioni collegate ad eventi di promozione turistica.

La
Recensione №5

Visitato ieri (24/08/18)in occasione dellevento 3 giornate dedicate a questo castello, 24-25-26/08.Molto bella la rappresentazione di duelli e tiri con l arco con dei bravissimi ragazzi della scuola di Assisi. Molto brava anche la ragazza che spiegava usi delle spezie nel medioevo. Era prevista anche, per chi voleva al costo di€1,l assaggio di una bevanda di quel periodo l ippograsso.I miei figli erano rapiti dai suoi racconti! Prevista anche prova di elmi e scudi dell epoca.Il castello.....un piccolo castello molto importante x il paese era prevista visita x apertura straordinaria. È un po malandato che da poco di proprietá del comune. Per caso abbiamo incontrato delle anziane che da piccole andavano a imparare ricamo li quando c erano delle suore e raccontavano con amore i loro ricordi e che ogni anno tornavano a visitarlo durante l apertura straordinaria.Nel castello c è solo un affresco degno di nota all entrata dove venne ricavato un oratorio con raffiguranti la Madonna di Melendugno e dall altro Dio con alle spalle un ulivo ...... Peró molto mal ridotto .Cmq da visitare c era anche da mangiare tutto buono

Lo
Recensione №6

Bello ma trascurato

an
Recensione №7

Bel luogo con importanti contenuti storici locali e non solo, si trova a Melendugno, città del miele , provincia di Lecce

Pa
Recensione №8

Affresco antichissimo..dietro la Madonna che allatta é raffigurato luliveto..di solito si raffigurava il Giglio o il melograno per questo motivo questo è un affresco unico nel suo genere

fe
Recensione №9

Da restaurare.

Lu
Recensione №10

Perché è unico

Al
Recensione №11

Il nostro castello èunico

Informazione
76 Fotografie
11 Commenti
4.4 Valutazione
  • Indirizzo:Via G. D' Amely, 73026 Melendugno LE
Categorie
  • Attrazione turistica
  • Castello
Organizzazioni simili