user
Leone De Castris
Via Senatore De Castris, 26, 73015 Salice Salentino LE


Commenti
Ce
Recensione №1

Ieri siamo stati da Leone de Castris.Five Roses, il vino che ha segnato la storia della cantina, viene creato nel 1943. 5 rose, come i figli degli allora proprietari - Don Piero e Donna Lisa de Castris - e per tre generazioni. Un generale americano lo assaggia e propone di portarlo in America. Il vino rosato, allora, non si imbottigliava, così hanno raccolto tutte le bottiglie di birra vuote che gli americani lasciavano in giro e, per la prima volta, il vino è stato imbottigliato. Donna Lisa è stata una figura importante e di avanguardia per questa zona. Ha dato lavoro alle donne, retribuite alla pari dei mariti, con una rete di supporto per la cura dei figli mentre erano impegnate nella vendemmia. Nel 1954 cominciano a produrre il Rosso Salice Salentino, che diventa DOC negli anni 70. Oggi alla guida della cantina cè Piernicola, terza generazione. Fanno 2.500.000 bottiglie, 300 ha di vigna di proprietà prevalentemente autoctona, esportano il 50% della produzione in 30 paesi.Allinterno della cantina, nel centro di Salice Salentino, è visitabile anche il museo del vino intitolato alla memoria dei due protagonisti della vitivinicoltura pugliese, Piero e Salvatore Leone de Castris. Ed è qui che si trova la sala degustazione, dove abbiamo assaggiato:Verdeca IGT Salento Messapia 2019. Giallo paglierino con riflessi verdolini caratteristici della Verdeca, 3 mesi di affinamento in acciaio e 1 in bottiglia. Al naso prepotentemente fruttato (pesca ananas limone bergamotto), caratteristica che non si ritrova nel sorso, che è fresco, sapido, piacevolmente persistente.Negroamaro Rosato IGT Salento Five Roses 76o anniversario 2019. Da uve 80% Negramaro, 20% Malvasia nera di Lecce, vigne di 50 anni. Macera sulle bucce solo 6 ore per non estrarre troppo colore. Al naso emerge subito la frutta (fragole, ciliegia), poi arrivano le note floreali (rosa). Il sorso è coerente, con evidenti sentori di fragole e ciliegie.Salice Salentino Rosso Riserva DOC 2017 50a vendemmia. Da uve 90% Negramaro 10% Malvasia nera di Lecce. Rosso rubino intenso con riflessi granati da botte. Al naso ha una bellissima complessità: subito le spezie (pepe, cannella, vaniglia), poi cioccolato, tabacco, poi prugne, mirtilli, mora, amarena, note di basilico.in bocca è morbido ed equilibrato, tannino smussato, sorso vellutato. Buona struttura e bella personalità.

ma
Recensione №2

Visita in occasione di Cantine Aperte del 4 ottobre ,visita al museo,alla cantina e degustazione di 6 dei loro vini,personale gentile,è stata una bella domenica

Fe
Recensione №3

Cantina storica di grande fascino, degustazione di vini interessante.. Da provare assolutamente, per gli appassionati e per chi vuole conoscere qlc in più del territorio.

Ma
Recensione №4

Cantina ricca di Storia, si percepisce tutta lArte, la Cultura e la Storia del Vino Salentino.

Ma
Recensione №5

Semplicemente unici... Sono particolarmente legato a questa cantina...Vini eccellenti

Gi
Recensione №6

Unesperienza unica ed emozionante. Consigliata a quanti amano il mondo vino, ma anche a quanti intendono scoprire le pagine meno note della grande imprenditoria del Sud Italia, della dignità del lavoro per gli uomini e per le donne, di vini ed enologia, di intuzione, sacrifici, passioni. Entrare in questo luogo è come esplorare lanimo fiero e forte delle popolazioni del Mezzogiorno e, in particolare, di questo angolo nascosto di Puglia che in questa azienda diede allItalia il primo vino rosato in bottiglia e alle donne lavoratrici della prima metà del Novecento una paga uguale a quella dei loro mariti.

cl
Recensione №7

Ottimo tagliere e vino molto buono, Mino una persona squisita e affabile

de
Recensione №8

Esplosiva

Gi
Recensione №9

Sono andata nella piccola enoteca (non so se sia lunico punto vendita, ma così mi è stato indicato) e non ho avuto una buonissima impressione.Tanti prodotti più o meno locali (meno che più) dal miele alla pasta, passando per le conserve ma pochi vini.Desideravo acquistare qualche bottiglia di Messapia -un verdeca che avevo avuto modo di assaggiare al ristorante- e sono rimasta abbastanza sconcertata dal prezzo: 9,20 euro per un bianco IGT del 2017 senza numero, bottiglia comunissima. Sarà anche buono ma... ho acquistato una bottiglia e sono uscita. Fine della storia.

Lu
Recensione №10

Ho avuto modo di gustare in più oc azioni i vin i di questa cantina, devo dire che gli ho trovati veramente ottimi vini tra i migliori del Salento.

Gj
Recensione №11

In vacanza in Puglia, ho potuto scoprire questo meraviglioso vino, preferisco il bianco e mi sono innamorato del rosso......ne ho preso due botiglie per colore e sapore, anche se siete gli ideatori del Roses quello la prossimo volta. Grazie

Iv
Recensione №12

I vini sono eccellenti, ofrono una scelta amplia, i prezzi sono decisamente migliori comprandoli direttamente da loro. Che dire i vini Leone De Castris sono eccellenti e di qualità.

ma
Recensione №13

Vabbè...dire che sono i migliori vini ditalia è un esagerazione

ma
Recensione №14

Da sempre uno dei migliori in qualità vinicola in tutto il mondo

lu
Recensione №15

Antica struttura a cantina per la produzione del VINO, la prima costruita in Italia e forse in EUROPA

Fe
Recensione №16

Ottimi vini e bell azienda

An
Recensione №17

Ottimi vini

An
Recensione №18

Bel posto ottimo vino

Da
Recensione №19

Ottimo

Ka
Recensione №20

Ottimo

Gi
Recensione №21

I migliori vini dItalia. .....

Mi
Recensione №22

Fabbrica produzione ed imbottigliamento vino

Po
Recensione №23

Vini per eccellenza , ottimo

Informazione
100 Fotografie
23 Commenti
4.7 Valutazione
  • Indirizzo:Via Senatore De Castris, 26, 73015 Salice Salentino LE
  • Posto:http://leonedecastris.com/
  • Telefono:0832 731112
Categorie
  • Azienda vinicola
  • Attrazione turistica
Ore lavorative
  • Lunedi:08:30–13
  • martedì:08:30–13
  • mercoledì:Chiuso
  • giovedi:Chiuso
  • Venerdì:08:30–13
  • Sabato:08:30–13
  • Domenica:08:30–13
Organizzazioni simili